Patrizia Italiano: l’artista che rappresenta la femminilità e la Sicilia attraverso le ceramiche

Patrizia Italiano vive in Sicilia, tra il mare delle isole Eolie e la città di Palermo, in un Isola chiamata Finicudi. A proposito della sua terra afferma:

Isola complice della sua vita, isola magica che amo perdutamente e che ho dentro da sempre con i suoi colori, gli odori, i paesaggi infiniti, i tramonti, le mulattiere, i muretti a secco e …il suo mare, azzurro, verde, blu. Ti fa immaginare mondi sommersi, pesci, granchi, conchiglie, delfini“.

La sua più grande passione sono la ceramica e l’arte. Da giovanissima ha infatti esposto a Milano, New York, Tokyo, negli Emirati Arabi e in altri Paesi.

Per un lungo periodo è rimasta ferma dal suo lavoro da artista-artigiana per poi decidere di ricominciare. Ogni sua opera è frutto del suo ingegno. E’ ben chiaro, osservando il suo profilo Instagram (patriziaitalianoclay), che ha una grande passione per l’argilla e il mare.

Le sculture a cui da vita sono intrise di Sicilia e di femminilità.  A tal proposito realizza sirene in ceramiche, archetipo per eccellenza di femminilità. Ha dato vita infatti a “donne-pesci” forti e ammiccanti, seducenti e malefiche, dolci e appassionate.

La collezione dei “ venditori di Sicilia”, nasce per l’amore verso la sua città , Palermo , con i suoi mercati, i suoi odori , i suoi cibi intrisi da secoli di cultura e di storia, che lei traspone in modo contemporaneo e ironico 

Le sue  ceramiche sono pensate guardando alla sua vita sospesa nei luoghi che ama e che vive quotidianamente. La sua Sicilia, i suoi  sogni, i suoi incubi , quello che ama  e ciò che detesta. Le piace immaginare le storie e fare vivere i personaggi e gli oggetti nel loro contesto culturale adattandole all’ambiente. 

I suoi venditori nascono con un po’ di ironia, camminando nei mercati di Palermo e osservando la gente, le urla e i canti dei venditori. I loro gesti e le loro fattezze che in secoli di dominazioni in Sicilia hanno lasciato un segno indelebile ; i mercati in diverse zone di Palermo sono ricchi di storia e di storie , di strade dove puoi trovare diversi artigiani e venditori, di palazzi antichi che si confondono tra le bancarelle.

Patrizia tenta di fare nascere dall’argilla, i tratti, i colori, i canti, le fattezze dei venditori che ammiccano mentre modella le loro bocche e le loro mercanzie.

Le piace che le persone che acquistano e usano le sue ceramiche possano sentire la voce antica della Sicilia, la storia che pervade l’isola. 

Le motivazioni che la ispirano sono interiori e legate al suo io più profondo: può essere un sogno, una motivazione personale ed etica che fa scattare un’idea, un incontro e uno scontro.

A tal proposito ci dice:

La creatività è come una pianta infestante che germoglia dappertutto e a volte ne sei così piena che devi mettere ordine“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.