Oggi tutte le vittime di violenza vivono un doppio pericolo (compresi figli)

Questo è un periodo complicato per tutti ma lo è ancora di più per molte donne e figli vittime di violenza domestica. L’isolamento, la convivenza forzata e l’incertezza economica stanno sempre più incrementando le situazioni di pericolo.

Vi è in questi giorni, infatti, un aumento della violenza assistita e domestica. I momenti in cui vi è un incremento di casi di violenza domestica sono proprio quelli in cui si è forzati nella convivenza, quindi vacanze estive, festività.

Le limitazioni prolungate apportate dal Premier Conte implicano una forzata convivenza con rischio annesso di espliciti episodi di violenza. A riportarlo sono proprio, anche, alcune ONG cinesi specializzate sul tema. Dato che in Cina gli episodi di violenza domestica sono maggiormente diffusi.

Figli, figlie, bambini, adolescenti saranno sempre più testimoni diretti della violenza sulla propria madre. Urla, schiaffi, svalutazioni, silenzi assordanti, piatti rotti, minacce, insulti…a questo saranno sottoposti. Tristezza, angoscia, paura, impotenza queste sono le emozioni a cui verranno esposti. Emozioni che rappresenteranno un vero e proprio Disturbo Post Traumatico da Stress.

Questi figli vivono spesso infatti l’impotenza per la difficoltà a fermare la violenza. Non è raro infatti che possano anche sentirsi in colpa per non aver “protetto la mamma”. In colpa per non essere stati ingrato di contrastare la violenza subita dalla mamma. I danni emotivi, cognitivi e comportamentali saranno notevoli e duraturi.

E’ nostra premura, nostro obbligo intervenire

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.