“La musica in questi giorni ci sta curando gli animi”

 

Tutti i FlashMob che si sono tenuti in questi giorni hanno coccolato i nostri animi, unendoci tutti insieme.

I tempi del Coronavirus verrano ricordati anche per questa carica energetica da parte della popolazione.

Venerdì c’è stato il richiamo ed il raduno di tutti i musicisti italiani. Si è infatti impugnato ognuno il proprio strumento musicale e suonato dalla finestra senza alcun timore. Un suono di unione, forza e libertà. La musica corre nuovamente in nostro soccorso, il soccorso delle nostro emozioni e della nostra psiche.

La Dott.ssa Stefania Signorile, psicologa e musicoterapeuta a tal proposito afferma: “La musica è da tempo riconosciuta come una forma efficace di terapia per fornire uno sblocco alle emozioni, l’idea di usare una canzone, delle frequenze sonore e il ritmo per il trattamento dei disagi fisici ed emotivi  è un nuovo dominio”

“Sono giorni di necessario isolamento ma non dobbiamo dimenticare di tutelare anche la nostra salute psicologica ed emotiva. Diamo sempre priorità all’urgenza fisica non focalizzandoci sulla sofferenza legata ai nostri disagi emotivi. Fate in modo, in questi giorni, di esprimere le vostre emozioni attraverso l’espressione (verbale, artistica, musicale…). Non dimenticatelo” – afferma Stefania Signorile.

E’ ricco infatti il  bagaglio dei nuovi studi  che stanno sollecitando i benefici della musica sulla salute mentale e fisica. Per esempio, in una meta-analisi di 400 studi, Levitin ed il suo compagno post-laurea Gioconda Chanda hanno scoperto che la musica migliora la funzione del sistema immmunitario del corpo e riduce lo stress. L’ascolto di musica si è riscontrato essere più efficace di una prescrizione farmacologica nel ridurre l’ansia prima di un intervento chirurgico (Trends in Science Cognitive, aprile 2013). “Abbiamo trovato prove convincenti che gli interventi musicali possano svolgere un ruolo di assistenza sanitaria in contesti che vanno dalle stanze ospedaliere fino ai consultaori familiari ” afferma Levitin, autore del libro “This is your Brain on Music” (2007).

In questo periodo così delicato abbiamo dunque fatto un’ottima scelta optando per l’utilizzo di FlashMob sonori dai nostri balconi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.