Si alla Legge contro l’omofobia. Sarà punita come il razzismo

Siamo in Svizzera, è arrivato il Si alla legge contro l’omofobia. Sarà punita in egual misura come il razzismo.

La popolazione della Confederazione ha emesso il voto. Legge che passa con il 63% a favore. Voto a favore della modificazione di una legge che, oggi, introduce la pena anche per discriminazioni vero l’orientamento e l’identità sessuale.

Finalmente una nazione schermata ed unita contro l’omofobia.  La norma è stata contestata dai conservatori populisti che hanno allarmato su rischio di “censura” e di attentato alla “libertà di espressione e di coscienza”.

Finalmente la comunità LGBT è maggiormente protetta, vista e tutelata. 

I voti a favore sono stati 1.413,609. L’approvazione maggiore è arrivata nelle regioni di cantone francese ed italiana. La legge attuale che ha subito modificazione puniva solo le discriminazioni religiose o razziali. 

La comunità LGBT afferma: “questo è un chiaro segnale contro l’odio“. La lotta politica continua attivamente per il matrimonio tra persone dello stesso sesso, tema che verrà presto discusso in Parlamento.

“Oggi non sono solo i diritti di lesbiche, omosessuali e bisessuali ad essere rafforzati, ma quelli di tutte le minoranze”, afferma esultando la co-presidente dell’ Organizzazione svizzera delle lesbiche, Salome Zimmermann.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.