Ildegarda di Bingen: “la donna che in pochi conoscono ma che mille anni fa abbattè i tabù”

Suor Ildegarda di Binge, è stata la prima donna, che 1000 anni fa, ha parlato di orgasmo femminile. E’ stata una delle poche donne ad avere avuto il titolo di Dottoressa della Chiesa.

Sono molti gli studiosi che si sono interessati alla sua vita e che l’hanno poi denominata “la guaritrice”.

Ildegarda nasce durante il periodo delle crociate, più precisamente nel 1098, in Germania. Riporta sin da piccola un’intelligenza ed una sensibilità spiccate con una correlata fragilità emotiva. A soli 5 anni inizia ad avere delle “visioni” ed è per questo che viene data in affidamento ad una nobile tedesca, Jutta. Quest’ultima viveva in un monastero benedettino a Disibodenberg. 

Durante il periodo adolescenziale la ragazza decide di diventare monaca benedettina. Fino all’età di 45 anni continua ad avere delle “visioni” ma si rifiuta di condividerne il contenuto per timore del giudizio e dell’esclusione. Superata questa fase si decide a condividere i contenuti delle sue visioni ed inizia a scrivere tutto.

Inizia così a dedicarsi alla botanica, alla teologia, alla medicina, alle arti. I suoi studi la rendono celebre ed avvia rapporti epistolari con personaggi del tempo molto famosi, come l’imperatore Federico Barbarossa.

Nel corso della sua vita è stata definita “debole essere femminile” ma, nonostante questo, le sue attenzioni e la sue rivoluzioni sono state dirette al corpo femminile, alle sue esperienze, fisiche e concrete di cui nel Medioevo era vietatissimo parlare: il ciclo mestruale, il modo in cui le fasi lunari possono influenzarlo, la maternità, il parto e più di tutto, il piacere sessuale.

Ildegarda di Bingen è stata una delle prime donne a fornire una descrizione dettagliata dell’orgasmo femminile, parlando del sesso come un atto naturale e meraviglioso. Si trattava di una vera e propria rivoluzionaria, una donna coraggiosa

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.