Stefano Cucchi è libero. “Fu omicidio”: Sentenza confermata

I colpevoli hanno il nome di D’Alessandro e di Bernardo con l’accuso di omicidio preterintenzionale.

La storia di Stefano Cucchi la conosciamo tutti, fu pestato in caserma e morì per le ferite riportate. Questa è la decisione definitiva della Corte D’Assise che ha contattano i carabinieri a 12 anni di reclusione. Il maresciallo Mandolini è stato invece condannato a 3 anni e 8 mesi per falso, Tedesco a 2 anni e sei mesi, sempre per falso.

Nelle stesse ore la sentenza d’appello tre: prescrizione per quattro medici e uno assolto. Questo affermano e confermano i giudici della Corte d’Assise di Appello di Roma per 5 medici dell’ospedale Sandro Pertini coinvolti nella vicenda Cucchi. Assolta la Dott.ssa Stefania Corbi: “per non aver commesso il fatto”, commenta il suo avvocato.

Ilaria Cucchi afferma: “ora Stefano può riposare in pace“. Aveva promesso al fratello di trovare giustizia e giustizia è stata fatta. Il coraggio di questa famiglia ha consentito la legalità in questo paese.

“Oggi ho mantenuto la promessa fatta a Stefano dieci anni fa quando l’ho visto morto sul tavolo dev’obitorio. A mio fratello dissi, Stefano ti giuro che non finisce qua”. 

Sono stati affrontati momenti di estrema difficoltà e sconforto, la famiglia Cucchi si è sempre rialzata senza arrendersi.

“Questa sentenza parla chiaro a tutti. Non vogliamo un colpevole, ma i colpevoli a finalmente dopo 10 anni di processi li abbiamo” ha detto Giovanni, padre di Ilaria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.