La prima pelle vegetale realizzata con le pale di fico d’india da due giovani messicani

Siamo in Guadalajara (Messico), due giovani hanno creato la prima pelle vegetale a base di foglie di fico d’india. Ne troveremo un’intera presentazione a “Lineapelle”, una manifestazione milanese attiva in questi giorni.

I nomi di questi due produttori sono Adrián López e Marte Cazárez. La sperimentazione è durata due anni e sono riusciti a trovare un sostituto alla pelle che fosse rispettoso dell’ambiente e degli animali. Dalle recenti sperimentazioni è emerso che questo prodotto è dotato di resistenza e ottima qualità.

Eravamo abituati a pelli vegetali ricavate da buccia di mela o dall’ananas ma i questo caso l’innovazione ci è data dal fico d’india.

“Se il fico d’India è buono per la pelle, perché non usarlo per creare la pelle?”, affermano i giovani.

Questo perché in Messico, così come da noi nel Sud Italia, il fico d’india è molto diffuso e necessita di poca cura.

“Il Messico ha il potenziale per innovare e il cactus è il simbolo del paese. Molte persone ci hanno detto che eravamo pazzi! Perfino i nostri ingegneri ci hanno detto che non si poteva fare. Abbiamo detto come no? Siamo in Messico, siamo messicani, quale materia prima abbonda qui? Il cactus qui cresce da solo, senza bisogno di grandi quantità d’acqua. È lì che abbiamo iniziato a testare il fico d’india e, dopo diversi test, siamo stati in grado di realizzare un materiale resistente “, ha spiegato Adrián.

“Un abitino, una borsa, una cintura, un cinturino per orologio, una piccola libreria, una poltrona. Qualunque pelle può essere sostituita da pelle vegetale; la pelle animale o la pelle sintetica possono essere sostituite da quelle vegetali, sostenendo l’ecosistema”, ha dichiarato Marte Cazárez.

Il prezzo della nuova pelle vegetale è di 25 dollari al metro. Ci si augura che vi siano sempre maggiori acquisti di pelle vegetale per garantire meno uccisioni animali, più tutela dell’ambiente e più benefici per tutti i produttori che coltivano fichi d’india.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.