La “Bici Banco” per gli studenti iperattivi (ADHD)

L’ADHD è una sindrome da deficit dell’attenzione con presenza di iperattività e, circa il 7% degli alunni a scuola ne soffre.

Si presenta con maggiore probabilità nei maschi piuttosto che nelle femminucce.

Siamo nella Scuola primaria di Des Cèdres, a Laval in Canada, un progetto all’avanguardia che prevede l’inserimento di banchi “particolari” caratterizzati dalla presenza di una cyclette. A sostituire il manubrio troviamo un ripiano (stila banco) su cui poggiare penne, matite, quaderni, libri ed occorrente scolastico.

Ad aver inventato questo banco bicicletta è Mario Leroux, un pedagogista canadese che afferma: “Uno dei maggiori problemi nelle scuole è il deficit di attenzione. Ci sono studenti che hanno tanto bisogno di muoversi. Ma spesso disturbano la classe. Quindi ero alla ricerca di qualcosa che permettesse loro di lavorare in classe muovendosi senza disturbare gli altri compagni”.

 

Sono sufficienti 15 minuti di pedalata per garantire una maggiore presenza attentiva dei ragazzi. Gli insegnanti hanno notato subito la differenza tra un classico banco e quello progettato dal dottor Leroux.

Immediato è stato l’interesse degli specialisti del settore, come neuroscienziati e psicoterapeuti. Alcuni di loro stanno tenendo sotto stretta osservazione i cambiamenti che gli alunni con ADHD subiscono dopo l’introduzione della BICI-BANCO.

A tal proposito il dott. Joel Monzee  afferma: “I farmaci non curano il problema, lo mascherano solamente. Garantire tramite questo strumento le competenze per imparare a gestire il proprio problema di attenzione, potrebbe essere una svolta definitiva per il trattamento di ADHD”.

1 thought on “La “Bici Banco” per gli studenti iperattivi (ADHD)”

  1. La stila banco mi sembra una sperimentazione davvero interessante, sarebbe bello poterla diffondere e testarne la ricaduta su un ragionevole numero di alunni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.