In due mesi 40.000 attacchi sui social: donne nel mirino

“Secondo ai numeri registrati da Vox-Osservatorio italiano sui diritti le manifestazioni di odio contro le donne non si fermano neanche dinnanzi ai femminicidi, anzi la rilevazione mostra dei picchi proprio in corrispondenza con i delitti. L’8 giugno quando l’Agcom, Autorità per le garanzie nelle comunicazioni ha approvato il regolamento per contrastare l’hate speech”. Questo ci spiega il Sole24Ore.

L’ultimo epiteto è “Sbruffoncella”, un’offesa grave se a pronunciarla è il Ministro dell’Interno Italiano Matteo Salvini. Un ministro che va contro una donna, offendendola. Stiamo parlando dell’offesa che Salvini rivolge  Carola Rackete, donna a capo della Sea Watch 3 che ha forzato il blocco navale previsto dal decreto sicurezza. Questo ha scatenato l’ira dei social, molti utenti infatti non si sono risparmiati in offese, denigrazioni ed attacchi brutali a Carola.

Altro esempio di donna molto offesa sui social è Laura Boldrini. Ha esordito come Presidente della Camera fino ad arrivare in Tribunale. Durante il suo mandato e oltre ha ricevuto e riceve notevoli denigrazioni online solo perché “donna dotata di intelletto e astuzia”.

Non mancano le offese rivolte alla scrittrice e filosofa Michela Murgia, ormai da tempo nel mirino di Salvini e dei suoi fan. Non me no le accuse, offese e denigrazioni rivolte alla cantante Emma Marrone.

Tutte donne ideologicamente, politicamente attive nel loro pensiero. Donne coraggiose che non smettono di amare la loro “matria” alla ricerca di una mondo accogliente, cooperativo e unito, senza disuguaglianze. 

Immagine copyright : IlSole24OreDossier

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.