Elettroshock al cervello dei bambini per allontanarli dalle famiglie e guadagnare: tanti arresti

Siamo nel Reggiano, luogo in cui è stata scoperta una rete di medici, assistenti sociali e politici che aveva messo insieme un’associazione a delinquere per lucrare sugli affidi. Venti misure di custodia cautelare e il coinvolgimento attivo del Sindaco di Bibbiano (Re).

Sono stati tolti decine di bambini ai loro genitori per affidarli ad altre famiglie, il tutto per guadagnare denaro su cure private a pagamento e corsi di formazione. Venivano falsificati, test, disegni dei bambini, aggiungendo a questi ultimi dettagli a carattere sessuale. Descrivevano le casi di provenienza come decadenti e trascurate, denigrando padri e madri biologiche. Era un vero è proprio falsificare queste vite, cercando di rappresentare i genitori come trascuranti, maltrattanti ed abusanti.

 Sono emersi inoltre “lavaggi del cervello” ai danni dei ragazzini coinvolti: durante ore e ore di sedute di psicoterapia, i bambini venivano suggestionati anche ricorrendo a impulsi elettrici, presentati come “macchinetta dei ricordi”, un sistema che avrebbe “alterato lo stato della memoria in prossimità dei colloqui giudiziari”.

Nelle decine di perquisizioni compiute negli ultimi giorni, i carabinieri hanno pure trovato regali e lettere piene di messaggi affettuosi che i genitori biologici, negli anni, avevano scritto ai loro bambini. Il materiale veniva nascosto in un garage. Il materiale non è stato mai consegnato ai piccoli. Si è trattato di un vero e proprio  “business illecito di diverse centinaia di migliaia di euro di cui beneficiavano alcuni degli indagati, mentre altri si avvantaggiavano a vario titolo dell’indotto derivante dalla gestione dei minori attraverso i finanziamenti regionali”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.