Indossare abiti non stirati: la nuova campagna contro il surriscaldamento globale

E’ la proposta provocatoria che arriva dalla Colombia da parte di sostenitori di campagne a difesa dell’ambiente.

 

È la proposta provocatoria che arriva dalla Colombia da parte dei sostenitori della difesa dell’ambiente.

Stirare i vestiti significa consumare energia elettrica e quindi inquinante per l’ambiente. Non usare il ferro da stiro potrebbe essere una buona mossa a tutela dell’ambiente.

Minor consumo energetico elettrico significa minor emissione di gas serra nell’atmosfera, pensiamo ad esempio alle centrali elettriche alimentate a combustibili fossili.

Alcuni reputano molto valida la campagna contro il ferro da stiro Si aggiunge inoltre che gli stereotipi imposti dall’industria della moda non aiutano di certo il superamento di alcuni limiti ambientali e l’inquinamento.

Fortunatamente, nell’evoluzione, ci sono già alcune marche che vendono capi di vestiario già stropicciati. Questo non toglie la rigidità di chi afferma che vi sono alcuni capi che per essere indossati hanno bisogno di essere stirati.

Un ragazzo giovane può anche permettersi di indossare abiti non stirati, ma un dirigente d’azienda a quanto pare NO. E probabilmente neppure una signora di una certa età.

Con questa campagna si sottolinea inoltre che, se in una casa per un anno non si stirano i vestiti, è come se si piantassero sette alberi o come se si togliessero dalla circolazione sette veicoli a motore.

Ma voi sareste disposte a uscire di casa con gli abiti stropicciati?

 

 

23 thoughts on “Indossare abiti non stirati: la nuova campagna contro il surriscaldamento globale”

  1. Io già li sto usando gli abiti non stirati. Non è la fine del mondo, basta sbatterli prima di metterli a stendere e poi una volta asciutti, prima di piegarlo sbatterli un’altra volta. Ah, faccio tutto io, lavaggio e stiraggio, sono single

      1. Assolutamente si. E lo faccio già. Ho il ferro ma non lo uso, lo trovo inutile e noioso e sapere ora che da benefici per l’ambiente, mi fa sentire anche meglio. 🙂

      2. Un’altra esagerazione. Fra poco diranno che studiare con la luce di una lampada consuma energia. Sembrano notizie che servono solo a portare attenzione su trovato estemporane. Protestassero per i fumi dell’Ilva e per i disoccupati involontari: bambini morti e famiglie senza casa.

  2. Sicuramente e` una provocazione !
    Perche` non spegniamo I condizionatori !
    Nei centri commerciali, farmacie, supermercati…..o almeno non mandarli al massimo.

    1. Ma figurati! Con tutti gli sprechi a questo mondo….. Certo che no, non andrei con gli abiti non stirati. Odio la gente che lo fa e le donne che lasciano andare i propri uomini in giro in certi stati. Pensate a cose piu’ intelligenti per non inquinare…

      1. Che lasciano andare in giro i propri uomini..?! Ma questi uomini hanno 13 anni oppure non sono in grado di capire da soli come vestirsi e poi, lo sanno che il ferro da stiro non è una prerogativa femminile ma solo un pezzo di metallo con una resistenza che rende magicamente in ordine gli indumenti. Se una donna da cambiare una gomma un uomo può stirarsi una camicia

    2. certo che è una provocazione! piuttosto perchè non iniziamo a far qualcosa nel nostro piccolo invece di dare sempre la colpa ad altri? e continuare a fare come loro? 😉

  3. Autoerotismo di Fidenza estate e inverno sempre porte negozi aperte , freddo d’estate che esce e caldo che esce d’inverno per non parlare dei posteggi macchine con luci a giorno tutta notte Una vergogna, nessuna protesta è riuscita a cambiare qualche cosa

  4. Stirare è lo spreco degli sprechi… Almeno l’aria condizionata ha un suo perché. Però sono d’accordo sul limitarne la potenza. Se poi qualcuno, escludendo chi ha problemi di salute, perdesse qualche kilo, l’estate, anche a 33 gradi, non sarebbe poi così traumatica e ne gioverebbe anche la salute. La maggior parte dei mezzi pubblici che prendo, in estate accende l’aria condizionata, ma tutti i finestrini sono aperti! Come multare chi sta col motore acceso solo perché aspetta qualcuno e gli serve per l’aria condizionata in estate ed aria calda in inverno. Come spiegare ad una buona parte della popolazione che in inverno si sopravvive anche tenendo 19-20 gradi in casa e non ne servono 26 solo perché ti piace girare in maglietta mentre fuori fa -1. Chissà quando ci illumineremo e capiremo che di pianeta abitabile ne abbiamo uno…

  5. Appoggio di cuore! Lo faccio da molti anni almeno una decina. Inizialmente per mancanza di tempo poi ho continuato perche’ mi piace un sacco la moda stropicciata! Se fatto per 1 anno equivale ad aver piantato 7 alberi, io ne ho piantati almeno 70 !

  6. Una campagna palesemente fatta da universitari fuori sede, per giustificare il fatto che non stirano mai un cazzo.

  7. A Londra, in un collegio americano mentre mettevo in ordine i miei abiti ed il mio ferro da stiro da viaggio le mie compagne di stanza mi hanno guardato con stupore dicendo “Cos’è quell’affare? a che ti serve?” “per stirare” risposi ma ricevetti sonori risate unite al commento” “Che bisogno c’è? perdi tempo e consumi inutile elettricità! Prova cosi: quando fai la doccia appendi l’abito all’esterno del box doccia ed il vapore lo stirerà!” Risparmi energia, acqua e fatica! Un quel momento scoprii l’uovo di Colombo. Addio fatica, perdita di tempo, anticalcare e ferro a vapore!

  8. abito in Australia da 3 Anni e non ho mai usato il ferro da stiro. qui nessuno lo usa.
    Le mie camice del lavoro non richiedono l uso del ferro da stiro.
    Sbatti bene camice e tagliette le metti direttamente su un appendino ed il gioco è fatto. Si chiama poco sbatti!
    Non si ha bisogno di altri nuovi vestiti ma di un minimo di fantasia e logica.
    Sveglia italia.. dormite tutto sugli allori!!!

  9. Una tecnica molto utile è quella di riinumidire con acqua e ammorbidente (per dare anche un po’ di profumo) con uno spruzzino il capo asciutto. E dopodiché piegarlo con le mani lasciandolo ancora un attimo fuori dall’armadio in modo che si asciughi nuovamente

  10. Certo che si!!!
    Lo faccio da tempo. Oltre a risparmiare l’energia elettrica risparmio il mio tempo e la mia energia da dedicare a altre cose, spesso più interessanti, da fare; evito esaurimenti nervosi da pieghe e pieghine che non se ne vanno…. In molti lo fanno ma c’è ancora chi stira le mutande e gli asciugamani della cucina………

  11. Le T-Shirt non hanno bisogno di essere stirate, né jeans e pantaloni in genere. Basta STENDERE BENE. Con le camicie dipende. Io stiro solo quelle ‘classiche’, ma non le coreane e i modelli più sportivi. In media accendo il ferro due volte al mese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.