Imprenditore paga le scuole ai figli dei dipendenti: “non morirò con i soldi in banca”

Accade a Vicenza questa meravigliosa manovra. Il quasi ottantenne Vinicio Bulla, grande imprenditore Caltrano, afferma: “non voglio morire con i soldi in banca, voglio aiutare la comunità ed il territorio”. 

Caltrano, un paese di 2.500 abitanti ai piedi dell’Altopiano di Asiago. Qui troviamo la Rivit Spa, azienda alla quale l’imprenditore ha dedicato tutta la sua vita. L’azienda di occupa a livello mondiale di produzione di acciai speciali, utilizzati per lo più nelle piattaforme petrolifere dei mari di tutto il mondo. A far parte di questa azienda vi sono 150 dipendenti e l’imprenditore ha deciso di investire gran parte del suo patrimonio nel pagamento delle tasse scolastiche dei figli di propri dipendenti.

Questo uomo rappresenta un vero e proprio esempio d’imitazione affinché la nostra società riesca ad evolversi culturalmente e socialmente.

 

 

1 thought on “Imprenditore paga le scuole ai figli dei dipendenti: “non morirò con i soldi in banca””

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.