Il Bitcoin e le Criptovalute creano dipendenza quanto il gioco d’azzardo!

Per criptovaluta si intende una moneta decentralizzata e digitale la cui elaborazione si basa su principi di crittografia per convalidare transazioni, pagamenti e generazione di moneta stessa.

Una delle criptovalute più conosciute è quella del Bitcoin. Dopo l’avvento del Bitcoin ne sono nate tante altre dando vita ad un vero e proprio commercio (vendite e acquisti) di monete.

Sono tanti, ad oggi, gli investitori di criptovalute che sognano di guadagnare ingenti somme di denaro con pochi click. Non è raro ritrovarsi in una vera e propria dipendenza da criptovalute. In Scozia, infatti, sono nati i primi centri di riabilitazione per chi manifesta questa “nuova patologia”.

“Il mercato delle criptovalute, con il proprio alto rischio, affascina il giocatore problematico, al quale fornisce eccitazione e fuga dalla realtà. Il Bitcoin, per esempio, è stato al centro di grandi scambi, e ha prodotto grandi guadagni e grandi perdite. È una classica situazione a bolla, che va affrontata con fermezza”, commenta Chris Burn, terapeuta del gioco d’azzardo presso il Castle Craig Hospital.

Il dipendente da trading bitcoin non è diverso dal dipendente da gioco. Entrambi spendono gran parte dei loro guadagni nel tentativo di ottenere facili guadagni; entrambi richiedono prestiti, arrivano a mettere in atto dei furti o ricavare degli ingenti debiti pur di continuare a “giocare”. Sono frequenti e persistenti sbalzi d’umore, pensieri ossessivi e rimuginativi e compulsioni di gioco.

Tra le terapie utilizzate le più utili sono la terapia cognitiva e la terapia-cognitivo comportamentale. Per un corretto processo di ripresa si insegna al paziente ad accettare la propria dipendenza e gli si forniscono strategie ci coping (ovvero strategie e modalità per fronteggiare situazioni stressanti). Si porta il paziente a ritrovare nella sua vita altri hobby o intrattenimenti positivi, aiutandolo anche con tutte le questioni di gestione dei debiti.

Nella nostra società il gioco d’azzardo è uno dei principali nemici da combattere, anche grazie all’attivazione del ministro italiano Di Maio si sta tentando di recuperare le condotte sofferenti di queste persone. La diffusione dei bitcoin e l’impennata azionaria, arrivata a 20.000 dollari alla fine del 2017 ha scatenato una vera e propria “pandemia del guadagno virtuale”, una vera e propria illusione, allucinazione di guadagno facile. Il fenomeno si è espanso con una rapidità incontrollabile tanto portare molte persone su lastrico.

La dipendenza si lega alla compulsività. A livello psicologico sono gli stessi. Troviamo inoltre una sensazione di forte eccitazione, con un tendenza al rischio ed all’euforia marcata; il tutto ovviamente con un netto rilascio di dopamina all’interno del nostro cervello. La situazione è diventata abbastanza grave ed avanzata da spingere ad investire in nuovi interventi di riabilitazione.

Le conseguenze sono abbastanza catastrofiche e sottovalutate. La gente sogna una riscatto sociale determinata da una vincita di denaro consistente. Un pò come avviene per gli investimenti in SNAI, Gratta e Vinci, Lotto, Super-Enalotto e così via.

Attenzione a non cadere nella trappola!

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *