I meccanismi neurali della motivazione

Dalla decisione di smettere di premere un pulsante, alzarsi dal letto la mattina, prepararsi per 
dormire la notte, la mente valuta i costi rispetto ai benefici di ogni scelta che facciamo. Un nuovo 
studio rivela i meccanismi di come il cervello prende decisioni così impegnative, calcolando se 
vale la pena di mettere in atto determinate azioni.

La National Academy of Sciences (PNAS) ha pubblicato i risultati degli psicologi presso l'Emory University.

"Abbiamo dimostrato che la corteccia prefrontale ventromediale del cervello, che in precedenza non era 
stata pensata per svolgere un ruolo chiave nelle scelte basate sullo sforzo, sembra essere fortemente 
coinvolta nella formazione delle aspettative alla base di tali scelte", afferma lo psicologo Emory Michael Treadway.
Il laboratorio di Treadway si concentra sulla comprensione dei meccanismi molecolari e circuitali dei 
sintomi psichiatrici legati all'umore, all'ansia e al processo decisionale.

"Comprendere come il cervello funziona normalmente quando è in sforzo fornisce un modo per individuare ciò che accade nei disturbi in cui la motivazione è ridotta, come la depressione e la schizofrenia".

Ricerche precedenti avevano osservato tre regioni cerebrali coinvolte nel processo decisionale; la 
corteccia cingolata anteriore dorsale (dACC), l'insula anteriore (aI) e la corteccia prefrontale ventromediale (vmPFC). Gli studi hanno indicato che la vmPFC è centrale per il calcolo del valore soggettivo durante il 
processo decisionale. Prove precedenti suggerivano anche che quando si tratta di decisioni e del loro 
rispettivo sforzo, le stime del valore soggettivo non erano valutate dalla vmPFC ma dalle altre due regioni del cervello.
"Nel mondo reale, tuttavia, di solito dobbiamo prendere decisioni basate su informazioni incomplete", dice Amanda Arulpragasam, prima autrice del documento PNAS e candidata al dottorato di ricerca nel laboratorio di Treadway.

Arulpragasam ha progettato uno studio che ha permesso ai ricercatori di modellare calcoli neurali distinti 
per sforzo e ricompensa. I soggetti sono stati sottoposti a risonanza magnetica funzionale (fMRI) durante 
l'esecuzione di un compito decisionale basato sullo sforzo in cui i costi ed i benefici dello sforzo di una 
scelta venivano presentati separatamente nel tempo.

I risultati hanno rivelato un chiaro ruolo della vmPFC nella codifica di una ricompensa attesa prima che 
tutte le informazioni fossero state rivelate. I dati hanno anche suggerito che la dACC e l'Al sono coinvolte 
nella codifica della differenza tra ciò che i partecipanti si aspettavano e ciò che hanno effettivamente 
ottenuto, piuttosto che nella valutazione del costo dello sforzo.

"Alcuni hanno sostenuto che le decisioni sullo sforzo hanno un circuito neurale diverso rispetto alle 
decisioni su probabilità e rischio", afferma Treadway. "Abbiamo dimostrato che tutte e tre le regioni del 
cervello entrano in gioco, in un modo diverso però rispetto a quanto precedentemente osservato."
 
 
 
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *