L’Italia vince il campionato mondiale di calcio a 5 per pazienti psichiatrici

La Nazionale italiana ha vinto la Dream World Cup 2018, il campionato del Mondo di calcio a 5 per pazienti psichiatrici. Il torneo si è svolto al Pala Tiziano di Roma ed è alla sua seconda edizione.

Quello di cui parliamo è un evento che ha visto coinvolti circa 150 pazienti psichiatrici. A capo di questo team troviamo il CT Enrico Zanchini. Il mach finale è avvenuto contro il Cile che è stato sconfitto con un punteggio di 17 a 4.

A curare questo meraviglioso progetto troviamo Guido Valentini, direttore del centro di riabilitazione psichiatrica di Progetto Itaca Roma, associazione per la salute mentale. Guido afferma: “pari dignità e qualità di vita per pazienti psichiatrici anche nel grande sport del calcio”.

Guido Valentini, direttore del centro di riabilitazione psichiatrica di Progetto Itaca Roma, associazione per la salute mentale che ha partecipato all’organizzazione del torneo, ha aggiunto: “Pari dignità e qualità di vita per i pazienti psichiatrici anche nel grande sport del calcio”.

Il torneo si è aperto il 13 maggio, giorno in cui ricorre l’anniversario dei 40 anni dall’entrata in vigore della legge Basaglia, che obbligò la chiusura definitiva di tutti i manicomi.

“Per i ragazzi è importante l’attività sportiva quotidiana, perché le persone con un disturbo psichiatrico hanno un rischio di una vita media del 20 per cento inferiore rispetto alle persone che non hanno disturbi psichici”, il dottor Santo Rullo, “perché sono condannate dalla malattia e dagli psicofarmaci a una vita sedentaria e all’aumento del peso”.

“Lo sport per i pazienti psichiatrici è importante perché li aiuta con reinserimento sociale e soprattutto a produrre tutta una serie di antidepressivi naturali”, ha dichiarato Volfango De Biase, autore del docu-film insieme allo scrittore Francesco Trento.

Questo il trailer di Crazy for Football, vincitore del David di Donatello per il miglior documentario nel 2017:

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *