Svezia, un’ora di Sport a lavoro per “aumentare la produttività”

I lavoratori di alcune aziende in Svezia hanno l’obbligo di fare esercizio ginnico (sport) sul posto di lavoro nel tentativo di migliorare la produttività.

Ogni venerdì, i dipendenti del rivenditore di moda e abbigliamento sportivo Bjorn Borg lasciano le loro postazioni presso la sede centrale della società a Stoccolma per un allenamento settimanale in una palestra vicina.
Non c’è modo di uscirne: per più di due anni l’azienda fondata dalla leggenda del tennis svedese ha reso obbligatorio l’esercizio sul lavoro, per iniziativa dell’amministratore delegato Henrik Bunge.

“Se non vuoi esercitare o far parte della cultura aziendale, devi andare”, dice Bunge, senza battere ciglio. Finora nessuno si è rifiutato a causa del requisito, aggiunge.

Gli obiettivi principali della politica – condivisa da altre aziende come la società di gestione idrica della città Kalmar Vatten e la società di consulenza edilizia Rotpartner – sono di incrementare la produttività e la redditività, promuovendo il cameratismo nel mondo del lavoro.

Nel 2014, uno studio dell’Università di Stoccolma ha dimostrato che l’esercizio durante la giornata lavorativa era vantaggioso sia per i dipendenti – che erano più sani e più concentrati – sia per il datore di lavoro.
Lo studio ha rilevato un calo del 22% per le assenze dal lavoro, dato assolutamente non trascurabile.

Con le guance rosee e sorridenti, i 60 dipendenti di Bjorn Borg che partecipano alla massacrante sessione di yoga di questa settimana si dirigono verso gli spogliatoi, con le loro endorfine che volano in alto.

“Molti di noi pensano che sia una parte davvero indispensabile della settimana lavorativa”, afferma la dipendente Cecilia Nissborg.

Anche gli svedesi vedono il tutto come una  forma di un dovere nei confronti di se stessi e della società, un’aspettativa risalente agli anni ’30, quando fiorì il culto della giovinezza, del vigore e dell’igiene sociale, afferma Cederstrom.

Ma la gente lo vede anche come una “responsabilità che ha verso il tuo datore di lavoro”, aggiunge.

Dalla fine degli anni ’80, la maggior parte delle aziende svedesi sovvenziona le attività sportive ai propri dipendenti – dal golf all’aquila acquatica – contribuendo fino a £ 446 all’anno.

E alcuni, come a Bjorn Borg, arrivano al punto di organizzare corsi di ginnastica durante il lavoro.

Bunge è convinto che il posto di lavoro che ha creato abbia reso i dipendenti più felici e più produttivi, osservando che tutti i numeri di produttività dell’azienda sono aumentati da quando è stato introdotto il nuovo regime.
Gli allenamenti obbligatori, di solito in gruppo, hanno anche altri benefici.

Riuniscono tutti i dipartimenti di un’azienda, consentendo ai dipendenti di mettere da parte le proprie responsabilità lavorative e conoscersi a vicenda.

“Quando andiamo in palestra, siamo tutti sullo stesso piano. Il tuo posto in azienda non ha importanza, tutti sono uguali “, dice Ida Lang, che lavora nel reparto contabilità di Bjorn Borg.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *